Un caldo “sentiero”

17 gennaio 2011
Un sentiero accogliente

Sentiero arcero

Un nuovo tipo di velatura. Si chiama sentiero, e fa parte della gamma delle terre fiorentine. L’applicazione non è a pennello,ma con frattazzo di plastica, a una o due mani, con fondo bianco o colorato. Molto poco ruvida al tatto. Adatta per ambienti come la nostra stanza, con un bel parquet scuro, ed una parete in pietra, che potete vedere nelle foto della home. Abbiamo così creato un ambiente molto caldo, accogliente, piuttosto luminoso, e sicuramente non banale. Per chi ama gli effetti un pò rustici, e non vuole avere una classica parete piatta. Ottimo anche per ambienti giovanili, ma che con altre scelte di colori si può sposare anche ad ambienti più classici.


Per chi sa osare..

22 dicembre 2010
Parete per coraggiosi

Stucco marrone

Per chi ha il coraggio di osare.…ecco un bellissimo stucco antico marrone. Certo a prima vista il colore può spaventare, ma il risultato finale è qualcosa di sorprendente. Dello stucco abbiam già detto molto…..liscio, lucido, resistente….questo particolare colore poi ne esalta tutte le sue proprietà, giocando con la luce in risvolti imprevisti. Si accompagna bene al pavimento e a porte e zoccolini. Senza tralasciare il calore che trasmette questo marrone (qualcuno l’ha chiamato cioccolato), che non toglie luminosità, ma regala tepore e un ambiente accogliente. Un effetto finale che ha emozionato tutti quelli che l’han visto, che non risulta per niente classico, anzi moderno e vivace, giovanile persino. La scelta del colore, basata un pò sul rischio ha dato i suoi frutti. Consiglio vivamente di guardare nella home (in basso a destra) tutte le foto di questa bellezza, presa da diverse angolazioni, e in abbinamento con l’altro colore della casa, la velatura White.


Lo chiamano White

3 dicembre 2010
Una "white"parete

Parete in velatura white

Lo chiamano “white”, che come saprete significa bianco in inglese. Questo effetto, relativamente nuovo, è nato per gli amanti della luminosità, del lucido sulle pareti, e di chi aspira ad avere una parete “in movimento”, e un pò diversa dal solito bianco, ma che non risulti eccessivamente “carica”. L’effetto white ha una straordinaria eleganza, leggermente ruvido al tatto,lucido, consente di risaltare qualsiasi tipo di parte, sposandosi con ogni tipo di arredamento. Il suo colore madreperlato(ovviamente sarebbe impossibile che fosse bianco puro), è u ottima soluzione per chi è stanco del solito bianco,ma non piace avere pareti colorate, o effetti in velatura troppo carichi visivamente.


Una parete in oro

4 novembre 2010
Parete in oro

Parete in velatura in oro.

Ecco una velatura senza dubbio particolare. Il colore oro oltre a dare un impatto luminoso alla stanza, da un tocco di eleganza e particolarità. Giusto il fatto di applicare la velatura ad una sola parete, colorando le altre con idropittura lavabile di colore chiaro. La parete è stata rifinita con una cornicetta bianca intorno, di 2 cm circa, che le da l’aspetto di un quadro. La velatura in oro è comunque anch’essa lavabile. Nella foto della home troverete delle foto da vicino della parete, e vi accorgerete di come gioca la luce con questo colore.


ma ogni quanto si imbianca?

10 ottobre 2010

“Ma ogni quanto si imbianca?”. Questa è una delle domande che mi sento fare più spesso. Non c’è una risposta definitiva che vada bene per ogni casa e per ogni persona. Diciamo che mediamente un imbiancatura classica, quindi con idropittura lavabile, dovrebbe essere eseguita ogni 3-4 anni. Ovviamente è una media appunto. Sul tempo incidono soprattutto due fattori. Il primo è il grado di “usura” della casa, quindi quanto ci si vive effettivamente in essa, quanto ci a,si cucina, quanto e se ci si fuma, se sono presenti bambini piccoli o animali domestici. Quanto la casa è fredda d’inverno o calda d’estate, il suo grado di umidità, la sua esposizione alla luce. Il secondo è come la casa viene imbiancata e con che tipo di materiale. Ho già detto sopra dell’imbiancatura classica con idropittura lavabile, e quindi intendo un ottimo materiale. Ma se la casa viene imbiancata con una tempera può durare anche meno e annerire in fretta. Poi ci sono i vari effetti,che spero abbiate potuto ammirare nei miei post. Per le velature in generale, la durata raddoppia, quini si fa da 6-8 anni, per gli smalti ad acqua, essendo realmente lavabili anche 9-10 anni. Infine si arriva agli stucchi,che possono durare dai vent’anni in su. Ovviamente ad un aumentare della durata, vi è un aumento del prezzo, che comunque viene ammortizzato dal lungo periodo che intercorrerà tra un imbiancatura  e l’altra. Come già sottolineato in precedenza, la scelta dei materiali è incisiva, affinché si possa avere un risultato finale duraturo e a regola d’arte.


la parete come uno specchio

25 settembre 2010
stucco antico in arancio

parete in stucco antico

La parete come uno specchio. Come sottolinea il titolo, in questa foto è molto evidente il risultato finale dell’applicazione in stucco antico. La parete riflette la luce solare, il pavimento in marmo, la finestra, e anche le persone che si avvicinano. Il colore arancio risalta ancor di più queste qualità, rendendo l’ambiente estremamente luminoso. Legando l’eleganza al moderno. Liscio al tatto, qui si presenta in tutta la sua naturale bellezza.


stucco antico chiaro

10 settembre 2010
parete in stucco antico

Visuale di parete in stucco antico

Di nuovo sua maestà, la calce. Qui vediamo una parte in stucco antico, di colore chiaro, che riflette, con la sua lucidatura, la luce proveniente da fuori. L’effetto è di un ambiente elegante, ma al tempo stesso molto luminoso e moderno. Ideale per chi non vuole dare alla casa un aspetto troppo classico, ma non rinuncia a questo effetto, che come già spiegato, oltre all’innegabile bellezza, ha dalla sua la lunga durata sui muri.