ma ogni quanto si imbianca?

10 ottobre 2010

“Ma ogni quanto si imbianca?”. Questa è una delle domande che mi sento fare più spesso. Non c’è una risposta definitiva che vada bene per ogni casa e per ogni persona. Diciamo che mediamente un imbiancatura classica, quindi con idropittura lavabile, dovrebbe essere eseguita ogni 3-4 anni. Ovviamente è una media appunto. Sul tempo incidono soprattutto due fattori. Il primo è il grado di “usura” della casa, quindi quanto ci si vive effettivamente in essa, quanto ci a,si cucina, quanto e se ci si fuma, se sono presenti bambini piccoli o animali domestici. Quanto la casa è fredda d’inverno o calda d’estate, il suo grado di umidità, la sua esposizione alla luce. Il secondo è come la casa viene imbiancata e con che tipo di materiale. Ho già detto sopra dell’imbiancatura classica con idropittura lavabile, e quindi intendo un ottimo materiale. Ma se la casa viene imbiancata con una tempera può durare anche meno e annerire in fretta. Poi ci sono i vari effetti,che spero abbiate potuto ammirare nei miei post. Per le velature in generale, la durata raddoppia, quini si fa da 6-8 anni, per gli smalti ad acqua, essendo realmente lavabili anche 9-10 anni. Infine si arriva agli stucchi,che possono durare dai vent’anni in su. Ovviamente ad un aumentare della durata, vi è un aumento del prezzo, che comunque viene ammortizzato dal lungo periodo che intercorrerà tra un imbiancatura  e l’altra. Come già sottolineato in precedenza, la scelta dei materiali è incisiva, affinché si possa avere un risultato finale duraturo e a regola d’arte.

Annunci

Eccomi…non sono scappato…

20 luglio 2010

E’ un bel po che non scrivo sul blog, ma come gli addetti al lavoro sapranno bene, questo è il periodo dove si lavora maggiormente, e almeno qui da noi a Milano, a ritmi serrati…C’è chi deve fare una sorpresa alla moglie prima che rientri da un viaggio di lavoro, chi ha impellente bisogno di imbiancare casa nuova, consegnata in ritardo, perché deve lasciare subito quella dove è in affitto. Quindi i lavori si accavallano, le giornate si fanno più intense, e tra gli altri impegni, rimane poco tempo per scrivere. Ora le cose si stanno calmando un pochino, anche se lavorerò ancora per tutto agosto, lasciandomi un poco di tempo per scrivere, e illustrarvi con i prossimi post i lavori svolti fino ad oggi. Colgo l’occasione per scrivere un mio pensiero. Non è assolutamente vero che non si può imbiancare casa in inverno. Lo so, si è più propensi a farlo con la belle stagione, si possono aprire le finestre, e si asciugano prima le pareti. Ma salvo casi particolari, imbiancare d’inverno non è per niente sconsigliato(parliamo sempre d’interni ovviamente), perché con i riscaldamenti le pareti asciugano quasi in egual maniera,e aprire le finestre quando occorre(a riscaldamenti spenti ovviamente)è possibile. Basta un ora e un porta chiusa e la casa non si raffredda. Senza tralasciare l’aspetto forse più importante della faccenda. D’inverno l’imbianchino è sicuramente più libero, e può praticare un abbassamento dei prezzi, o sconti maggiori con più tranquillità…..a buon ambasciatore……


L’imbiancatura

14 febbraio 2010

Ormai son 14 anni che faccio questo mestiere. Ho iniziato un pò per caso, cominciando con mio padre ed i suoi soci, abbandonata la scuola. Mi pareva solo un cosa momentanea allora. Son passati 13 anni. E di lavori e cantieri ne ho fatti e visti tanti, ed imbianchini conosciuti molti. Alcuni son convinti di lavorare meglio di tutti, altri pensano che sia solo una questione di metodo. Io sono di questa schiera. A mio parere non esiste un metodo giusto per fare le cose, ma basilari nozioni tecniche, che possono andare dalla conoscenza del materiale, ad alcune “pose” per l’applicazione.

Una cosa che penso trovi d’accordo tutti, o quasi, gli esperti del settore, è che,  è il risultato che conta. Ognuno può avere il suo materiale preferito o deciderne la posa in suguito all’esperienza o all’estro personale,  ma su come debba essere il risultato finale, che si tratti di semplice imbiancatura, od effetti vari(velature, stucchi, etc) non credo ci possano essere criteri soggettivi. Ciò non significa a mio parere porre dei paletti invalicabili per ogni tipo di applicazione, ma soddisfare l’idea del risultato più  o meno generalmente riconosciuta, anche dalla stessa clientela. Ciò nonostante, a me è capitato a volte di non seguire certe “regole”, andando un po a modificare l’aspetto della lavorazione, con risultati a volte positivi, altre un po meno.

Si sperimenta anche in questo campo ovviamente, cercando sempre soluzioni nuove, in grado di soddisfare le varie esigenze. Il nostro è pur sempre un lavoro manuale, e quindi è abbastanza ovvio che non ci sarà un lavoro uguale all’altro, e neanche meno o più bello, ma, penso io, applicato e rifinito in maniera migliore, ovvero con precisione e finezza.

In conclusione, infiniti modi di pensare l’imbiancatura, che spesso la arrichiscono, trovano dei limiti, seppur anch’essi non invalicabili, nel risultato finale dell’applicazione. Ciò scritto vale però solo per gli adetti ai lavori, perchè per quanto riguarda il fai da te, ci sarebbero altre cose da dire, che riprenderò senz’altro nei prossimi articoli.